Ribelliamoci alpeggio - Lombardia Cima Sodadura

Ribelliamoci alpeggio! Una straordinaria giornata di mobilitazione diffusa in montagna!

Dal Monte Cervati, al Corno alle Scale, da Sella Nevea al Monte di Cambio, da Collio Valtrompia al Colle del Nevegal, passando per la Val Gerola, il Lago Bianco al Passo Gavia, Foppolo, il Monte San Primo e i Piani di Artavaggio, RIBELLIAMOCI ALPEGGIO, sabato 14 ottobre 2023, è stata una straordinaria giornata di mobilitazione diffusa in montagna dagli Appennini alle Alpi!

colle del nevegal, Corno alle scale, foppolo, giustizia climatica, impianti di risalita, lago bianco, mobilitazione nelle terre alte, monte cercati, monte di cambio, monte san primo, piani di artavaggio, ribelliamoci alpeggio, stop impianti, val gerola, wccj

Continua a leggere

Ribelliamoci alpeggio 1

Ribelliamoci alpeggio!

Alpine Community for Climate Justice. Giornata di mobilitazione diffusa in montagna nei giorni del WCCJ.

Sabato 14 ottobre 2023, nei giorni del WCCJ, ribelliamoci al peggio, al saccheggio del futuro e mobilitiamoci per la giustizia climatica!

Chi: A.P.E. (tutto l’alveare dell’Associazione Proletaria Escursionisti), The Outdoor Manifesto, comunità locali, associazioni, comitati, gruppi spontanei e singoli attivisti

Quando: sabato 14 ottobre 2023

Dove: mobilitazione diffusa in località interessate da progetti nocivi per le terre alte e nuovi impianti di risalita inutili e imposti. Leggi l’appello di seguito.

ape, ape milano, associazione proletaria escursionisti, crisi climatica, giustizia climatica, ribelliamoci al peggio, ribelliamoci alpeggio, the outdoor manifesto, wccj

Continua a leggere

Campeggio APEino 2023

Dal 16 al 18 giugno 2023 l’Alveare si dà appuntamento alla Conca di Crezzo, nel cuore del Triangolo Lariano. Apeine e apeini da tutta Italia si ritroveranno per una tre giorni di camminate, convivialità e confronto all’ombra delle montagne che si affacciano sul Lago di Como. A organizzarla, con l’aiuto e il supporto di  Milano, è la sezione lecchese, che vuole festeggiare così il suo centenario.

Sarà l’occasione per rispolverare una delle tradizioni dell’APE delle origini, le tendopoli di inizio ‘900, per conoscere una comunità sempre più viva e diffusa e per praticare e immaginare insieme un andare in montagna solidale, inclusivo, rispettoso dell’ambiente e di chi lo abita.

Ecco di seguito tutte le informazioni utili per partecipare.

campeggio ape 2023, tendopoli ape, tendopoli ape 2023, tendopoli apeina

Continua a leggere

In vetta alla Grigna con DAX nel cuore

L’appuntamento è quello solito delle gite invernali, alle 6:15 a Piano Terra, con partenza, puntuali, alle 6:30 spaccate.

La destinazione è abbastanza vicina, è la Grigna meridionale, la Grignetta, montagna particolarmente legata alla storia di APE sin dalla nascita dell’associazione nei primi anni ‘20 del 1900. Lungo queste pendici, infatti, ebbero luogo escursioni e campeggi (tendopoli) sempre molto partecipati. Qui fu costruito il rifugio apeino, la capanna APE, finanziato attraverso una sottoscrizione popolare. Qui la storia di diversi apeini si intrecciò e si sovrappose alla lotta partigiana e all’antifascismo.

Ed è proprio l’antifascismo, ancora una volta, il filo rosso che ci porta qui, questa domenica, insieme ad alcuni compagni di cammino. Oggi siamo qui, infatti, per ricordare Dax, ammazzato perché militante antifascista vent’anni fa. A nostro modo, camminando insieme ai suoi amici e ad alcuni compagni romani e portando in vetta lo striscione storico che, in questi anni, ha aperto tanti cortei e momenti di piazza in suo ricordo. Così come fatto in città la domenica precedente, con il trekking urbano attraverso i suoi luoghi.

Ci ritroviamo con gli altri ai Piani Resinelli, il tempo è splendido, cielo azzurro, aria tersa e limpida; controlliamo ancora una volta, ma con sguardo perplesso, l’attrezzatura invernale, ramponi e piccozze. Infatti, sembra tutto secco intorno a noi. Portiamo certamente i ramponi e qualche piccozza, non si sa mai, in vetta potrebbe esserci ancora del ghiaccio.

L’itinerario pensato in origine avrebbe previsto la salita per la via normale lungo la ripida cresta Cermenati, ma, constatata l’evidente assenza di neve, decidiamo per una variante un po’ più sfidante: portiamo qualche auto un po’ più su, al parcheggio oltre il rifugio Soldanella e iniziamo la salita lungo il sentiero che percorre la cresta Sinigaglia. Tagliamo il canalone Porta e continuiamo a salire lungo la traccia, all’ombra dei torrioni di calcare che definiscono il profilo della montagna.

Dobbiamo però riprendere la via della Cermenati per giungere alla vetta, quindi traversiamo dopo Bocchetta dei Prati perdendo un po’ di quota e affrontando qualche passaggio su roccette che richiede equilibrio e attenzione. Riprendiamo la via normale e dopo circa 3 ore dalla partenza siamo in vetta, superando l’ultimo tratto sulle rocce attrezzate con catene. Ramponi e piccozze restano negli zaini, non c’è neve sul versante sud, ad eccezione di qualche residuo nelle zone in ombra e un po’ in cima, dove, prestando attenzione, è comunque possibile muoversi anche senza ramponi ai piedi.

Mangiamo qualcosa, panini, frutta e spuntini, e poi eccoci a srotolare lo striscione a 2184 metri di altitudine, davanti al bivacco Ferrario. Oltre ai soliti telefonini, questa volta utilizziamo anche un piccolo drone a documentare l’evento.

E’ il momento di iniziare la discesa che affronteremo seguendo la ripida traccia sassosa lungo la cresta Cermenati. Passeranno quasi altre due ore, tra belle chiacchiere, racconti, condivisioni di esperienze, primi indolenzimenti muscolari e qualche vescica ai piedi. Arriviamo finalmente nei pressi del rifugio Porta, dove nel sottobosco possiamo ammirare i numerosi ellebori, varietà che fiorisce tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera.

Ci fermiamo al rifugio Soldanella per la birretta di rito e ancora qualche spuntino, consapevoli, tutti, di aver partecipato ad un’escursione molto bella. Certamente Dax avrebbe apprezzato.

Nella notte ci guidano le stelle!

Filippo per APE Milano

antifa, antifascismo, grigna meridionale

Di ritorno dal Campeggio nazionale APE 2022 in Abetina reale

E arrivò subito il sole

“Emilio come hai dormito questa notte?”

La piccola ape risponde un po’ imbronciata e con le manine incrociate sul petto:

“Non ho dormito niente!” esclama camminando mentre si dirige al tavolo per la sua quinta colazione…”Praticamente sono andato a letto ieri sera e neanche il tempo di dormire che TAAAACCCC è arrivato subito il sole”!

ndr. si scoprirà che quel TAAAACCCC pronunciato da Emilio era inconsciamente  riferito al tonfo che ha fatto quella notte cadendo dal letto a castello.

abetina reale, campeggio, campeggio 2022, cascate del lavacchiello, monte cella, monte cusna, monte piella, monte prado, monte vecchio, passone, prati di sara, reggio emilia, rifugio segheria

Continua a leggere

Sempre più in alto
per una nuova umanità!

Sito autoprodotto con CMS WP e tema Yootheme - Privacy policy