Al Rifugio Colombe’

Una bellissima giornata vissuta tra Concarena e Pizzo Badile, neve sulle cime, raggiunta da alcuni di noi e tanta socialità. Un grazie al rifugio Colombé per la splendida accoglienza!

Una bella camminata sulla misura di chiunque abbia un poco di allenamento ci porta al Rifugio Colombé, posto su un pianoro in magnifica posizione panoramica sulla Concarena e sulla media Valcamonica. Trascorriamo qui un po’ di tempo all’insegna della convivialità, pranzando assieme al rifugio: come APE Brescia avevamo previsto di tenere lì la nostra due giorni di fine agosto, prenotando buona parte dei posti letto disponibili, salvo poi annullarla a causa del maltempo. Il pranzo insieme ci sembra un bel modo sia per risarcire un mancato introito sia per aiutare il progetto di solidarietà che il rifugio porta avanti. La gestione del rifugio Colombé è infatti affidata ad un gruppo di volontari, amici OMG; il ricavato della gestione è interamente devoluto al sostentamento dell’attività sanitaria dell’ospedale di Chacas (Perù).

Sviluppo: 10 km totali
Ascesa totale: 740 m D+
Tempo di percorrenza: 2 h e 30 min salita – 2 h discesa (pause escluse)
Difficoltà: 2 API (medio). Privo di difficoltà tecniche.

Percorso In Auto: Seguire le indicazioni per Lago d’Iseo e Valcamonica, prima su SP 510 poi su SP 42, fino all’uscita “Ceto – Braone – Cerveno – Ono S.Pietro”. Attraversare l’abitato di Ceto seguendo le indicazioni per Cimbergo e Paspardo e proseguire poi su SP 88, raggiungendo prima Cimbergo e successivamente Paspardo.

Itinerario
Andata: Dal parcheggio (quota 970 m) ci muoviamo in direzione dell’abitato di Paspardo e teniamo subito la destra seguendo le indicazioni per il centro storico; proseguiamo quindi su via Martina e via Racco e abbandoniamo l’abitato entrando nel bosco.
Siamo ora sul percorso dei sentieri n. 117 e 22 detto “Sentiero dei tre fratelli” e salendo su stradello acciottolato incrociamo in loc. Ghisgiulì (quota 1.130 m) la strada asfaltata di via Zumella; la attraversiamo continuando su mulattiera con buone pendenze e seguiamo sempre le indicazioni dei sentieri n. 117 e 22.
A quota 1.300 m circa lasciamo alla nostra sinistra il sentiero n. 22 “Sentiero dei tre fratelli”, che prosegue per il Lago d’Arno, e rimanendo sulla via principale ci dirigiamo alla baite di Pusol, oltre le quali (quota 1.440 m circa) pieghiamo a sinistra su sentiero (acqua prima e dopo le baite di Pusol).
Saliamo quindi su bella traccia nel bosco e raggiungiamo malga Colombé; qui svoltiamo a sinistra per arrivare in pochi minuti al rifugio, con vista spettacolare sulla Concarena, dove pranziamo assieme.

Ritorno: Torniamo a malga Colombé e proseguiamo sulla carrareccia, che attraversa la loc. Pian del Campo e si dirige verso la loc. Zumella e la conca del Volano. Poco oltre la chiesetta della Madonna delle nevi prendiamo la destra abbandonando la strada principale e raggiungiamo le baite di Pusol; riprendiamo così l’itinerario percorso all’andata, che manteniamo fino a tornare al punto di partenza.

ape brescia, valcamonica


Sempre più in alto, per una nuova umanità

A.P.E. - Associazione Proletari Escursionisti (dal 1919)